Cosa sapere su Smartsheet e Spam

Le funzioni di collaborazione di Smartsheet rendono più facile il lavoro per le persone e le imprese. Queste stesse funzionalità rendono Smartsheet attraente anche per i truffatori che potrebbero tentare di usarlo per inviare spam. Mentre la piattaforma Smartsheet esegue un certo numero di operazioni per rilevare automaticamente questi malintenzionati e fermarli, il rilevamento automatico non è sempre perfetto. Se sospetti che qualcuno stia usando Smartsheet o il nome di Smartsheet come parte di una truffa, comunicacelo contattando Smartsheet all'indirizzo abuse@smartsheet.com, includendo eventuali messaggi sospetti come allegati al tuo messaggio e-mail.

Se ci hai già segnalato una truffa, grazie! Per aiutarti a capire meglio questo problema, ecco alcune informazioni sulle tattiche comuni degli spammer e sulle cose che puoi fare per evitare le loro macchinazioni.


Cosa fanno gli Spammer con Smartsheet

Gli spammer assemblano elenchi di indirizzi e-mail e poi utilizzano il sistema Smartsheet per inviare e-mail di spam a tutti loro. La stragrande maggioranza delle persone che ricevono spam non sono nemmeno utenti di Smartsheet: sono solo persone a caso che i malintenzionati prendono di mira.

Come gli spammer ricevono gli indirizzi e-mail

Ecco alcuni modi in cui gli spammer raccolgono gli indirizzi e-mail:

  • Acquistano elenchi (legalmente o illegalmente).
  • Usano programmi di "harvesting", programmi di “crawl” e “scrape”, che setacciano Internet alla ricerca di esempi di testo che sembrano essere un indirizzo e-mail.
  • Utilizzano programmi "dizionario" (come fanno gli hacker). Questi prodotti generano combinazioni alfabetiche/numeriche di indirizzi in sequenza. Benché molti dei risultati non siano corretti, questi programmi dizionario possono creare centinaia di migliaia di indirizzi all'ora, garantendo che almeno alcuni funzionino come bersaglio per lo spam.
  • Tu offri involontariamente il tuo indirizzo e-mail a un servizio online di iscrizione/disiscrizione. Una tattica comune per disiscriversi è quella di inviare a raffica a milioni di persone una falsa email "ti sei iscritto a una newsletter". Quando i destinatari cliccano sul link Disiscrizione, confermano l'esistenza di una persona reale al loro indirizzo e-mail.

Cose che puoi fare per proteggerti dallo spam

Ecco alcune buone prassi per aiutarti a ridurre la quantità di spam che ricevi.

Usa filtri antispam. La maggior parte dei provider di posta elettronica include un filtro antispam nelle loro offerte. Se il tuo provider non ne ha uno, considera la possibilità di passare a un provider che lo abbia.

Non rispondere MAI allo spam. Quando rispondi allo spam, fai sapere allo spammer che il tuo è un indirizzo e-mail valido. Cioè, semplicemente rispondendo allo spam, anche solo per dire “smetti di mandarmi questo,” in realtà incoraggerai più spam.

Non cliccare sui link nella e-mail di spam. Un trucco per rendertene conto, in particolare, è che gli spammer invieranno messaggi e-mail contenenti falsi link di Disiscrizione. Si tratta di un tipo di truffa di phishing che permette allo spammer di convalidare il tuo indirizzo e-mail. Cliccando su Disiscrizione in questo tipo di messaggio aumenti semplicemente la quantità di spam che ricevi.

Tieni aggiornato il tuo browser web. Rimani protetto dalle vulnerabilità che possono esistere nei software obsoleti, assicurandoti di utilizzare l'ultima versione del tuo browser web.

Utilizza CAPTCHA per i moduli.Assicurati che i tuoi fogli e moduli non vengano utilizzati per lo spam. Abilita CAPTCHA per i moduli ed evita la pubblicazione a utenti non autenticati, a meno che non sia necessario.

Utilizza un indirizzo e-mail univoco quando ti registri su un sito web o entri a far parte di un gruppo. Quando hai bisogno di un indirizzo email per entrare in una mailing list, iscriviti a servizi, richiedi maggiori informazioni, o registrati per un servizio, un indirizzo email univoco che crei proprio per questo scopo. Ad esempio, quando hai bisogno di un indirizzo e-mail per ricevere le ricevute via e-mail, utilizza un indirizzo e-mail gratuito da un sito come Gmail o Yahoo e crea un indirizzo appositamente per questo scopo. Prendi in considerazione l'utilizzo di una strategia simile per la pubblicazione sul web nei social media, un listserv, un newsgroup, una pagina di contatto per un sito web o altri forum online in cui è necessario utilizzare un indirizzo e-mail per l'accesso.

SUGGERIMENTO: Un modo per creare facilmente un indirizzo univoco è quello di creare una versione modificata del tuo indirizzo e-mail. Ciò ti permetterà di filtrare le e-mail inviate a quell'indirizzo modificato. Ad esempio, Gmail ti permette di aggiungere un segno più ("+") e qualsiasi combinazione di caratteri dopo la parte iniziale del tuo indirizzo email, e riceverai comunque le email. Per ulteriori informazioni su questa funzionalità, leggi questo post nel Blog ufficiale di Gmail.

Was this article helpful?
No